newspaper1920x620

GDP news

Finanza agevolata | opportunità | tecnologia.
Tutte le novità per la tua impresa.

PSR Puglia 2014-2020: le priorità del programma

PSR Puglia 2014-2020: le priorità del programma

Con la pubblicazione nel BUR Puglia del 19/01/2016, parte ufficialmente la nuova programmazione regionale degli aiuti al settore dell'agricoltura. In attesa della pubblicazione dei primi bandi, vediamo quali sono gli obiettivi che verranno perseguiti e quali le novità del programma. Il documento evidenzia quelle che sono le priorità di intervento, ossia quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere in termini di aiuti, di miglioramento e crescita del settore agricolo pugliese.

Priorità 1: Trasferimento di conoscenze e innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali.

  • Stimolare l'innovazione, la cooperazione e lo sviluppo della base di conoscenza nelle zone rurali.
  • Rinsaldare i nessi tra agricoltura, produzione alimentare e silvicoltura, da un lato, e ricerca e innovazione, dall'altro, anche al fine di migliorare la gestione e le prestazioni ambientali.
  • Incoraggiare l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita e la formazione professionale nel settore agricolo e forestale.

Priorità 2: Competitività del settore agricolo e gestione sostenibile delle foreste

  • Migliorare le prestazioni economiche di tutte agricole e incoraggiare la ristrutturazione e l'ammodernamento delle aziende agricole, in particolare per aumentare la quota di mercato e l'orientamento al mercato nonché la diversificazione delle attività.
  • Favorire l'ingresso di agricoltori adeguatamente qualificati nel settore agricolo e, in particolare, il ricambio generazionale.

Priorità 3: Organizzazione della filiera agroalimentare, compresi la trasformazione e la commercializzazione del prodotti agricoli, il benessere degli animali e la gestione del rischi nel settore agricolo

  • Migliorare la competitività del produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione del prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali.
  • Sostenere la prevenzione e la gestione del rischi aziendali.

Priorità 4: Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all'agricoltura e alle foreste

  • Salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità, (in particolare nelle zone Natura 2000 e nelle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici), dell'agricoltura ad alto valore naturalistico nonché dell'assetto paesaggistico dell'Europa.
  • Migliorare la gestione delle risorse idriche, compresa la gestione del fertilizzanti e del pesticidi.
  • Prevenzione dell'erosione del suoli e migliore gestione degli stessi.

Priorità 5: Efficienza nell'uso delle risorse e clima

  • ​Rendere più efficiente l'uso dell'acqua nell'agricoltura.
  • Rendere più efficiente l'uso dell'energia in agricoltura e nell'industria alimentare.
  • Favorire l'approvvigionamento e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto e residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia.
  • Promuovere la conservazione e il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale.

Priorità 6: Inclusione sociale e sviluppo locale nelle zone rurali

  • ​Stimolare lo sviluppo locale nelle zone rurali.
  • Promuovere l'accessibilità, l'uso e la qualità delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) nelle zone rurali.

​Dall'elenco delle priorità riportate dal documento, risulta evidente come le parole chiave di questa nuova programmazione saranno, ancora una volta, l'innovazione, la tecnologia, la ricerca e il rispetto dell'ambiente. Inoltre, mai come in questa programmazione, si favorirà l'aggregazione tra più imprese agricole prevedendo dei meccanismi premianti, in termini di punteggi sulle domande presentate da reti, consorzi e organizzazioni di produttori.

GDP consulting offre consulenza in ambito tecnologico con il sistema informatico SIGeA, strumento ideale per la gestione dell'intera filiera e per il controllo di aggregazioni aziendali come le società cooperative e le organizzazioni di produttori.

TITOLO II TURISMO REGIONE PUGLIA
Le distinte e i cicli di lavorazione

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

 
Ancora nessun commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 22 Settembre 2020

GDP idee blue def

Ipse dixit

"Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E’ nella crisi che sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato."

Albert Einstein

Chi siamo

La G di Giannini, la D di Di Michele, la P di Pagone. Nasce così, a marzo 2005, la GDP Consulting srl. In oltre dieci anni di attività, ci siamo occupati di sviluppo sistemi informativi e abbiamo accumulato importanti esperienze in ambito di progettazione per bandi di finanza agevolata. Innovazione, tecnologia e finanziamenti alle PMI sono il nostro core business.

GDP Consulting: idee e strumenti per la crescita aziendale.

Mail: info@gdpconsulting.it

Tel: 328/94.70.242

Privacy Policy

Dove siamo