newspaper1920x620

GDP news

Finanza agevolata | opportunità | tecnologia.
Tutte le novità per la tua impresa.

Smart & Start Italia: ancora fondi disponibili per il sud

Smart & Start Italia: ancora fondi disponibili per il sud

Smart & Start Italia è il bando pubblicato dal MiSE per agevolare gli investimenti effettuati da start-up innovative operanti su tutto il territorio italiano. La misura è operativa da febbraio 2015 e ad oggi sono disponibili risorse finanziarie per la presentazione di domande da parte di start-up operanti nelle regioni cd. obbiettivo convergenza (Puglia, Calabria, Basilicata, Campania, Sardegna e Sicilia) e nei comuni del cratere sismico aquilano. Per le restanti regioni la misura è sospesa causa eccessivo afflusso delle richieste.


Chi può partecipare a Smart & Start Italia

Il bando finanzia le start-up innovative cioè imprese costituite da non più di 5 anni, con fatturato annuo inferiore ai 5 milioni di Euro, che non abbiano distribuito utili e che abbiano un oggetto sociale relativo ad attività legate all'innovazione tecnologica.

Una start-up per definirsi innovativa deve rispettare almeno uno dei seguenti criteri:

  • investire il 15% del maggior valore tra fatturato e costi annui in attività di ricerca e sviluppo;
  • essere titolare di un brevetto registrato/privativa industriale oppure di un software SIAE;
  • forza lavoro costituita per 1/3 tra dottorandi, dottori di ricerca o ricercatori oppure 2/3 dei soci o collaboratori con laurea magistrale.
Possono presentare domanda anche persone fisiche che intendano costituire un'impresa innovativa.

Caratteristiche dei progetti ammissibili a finanziamento

Smart & Start Italia finanzia piani di impresa che siano:

  • caratterizzati da un elevato contenuto tecnologico e innovativo e/o
  • mirati allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell'economia digitale e/o
  • finalizzati alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Soglie di investimento e costi ammissibili

La misura finanzia piani di investimento che che prevedono spese e/o costi ammissibili compresi tra 100.000 e 1.500.000 Euro. Le spese di investimento ammissibili a contributo sono:

  • impianti, macchinari e attrezzature tecnologici;
  • componenti hardware e software funzionali al progetto;
  • brevetti e licenze;
  • certificazioni, know-how e conoscenze tecniche correlate alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa;
  • progettazione, sviluppo, personalizzazione e collaudo di soluzioni informatiche e di impianti tecnologici produttivi;

Sono, inoltre, ammissibili a finanziamento i seguenti costi di gestione:

  • interessi passivi su finanziamenti esterni concessi all'impresa;
  • quote di ammortamento impianti, macchinari e attrezzature non rientranti tra le agevolazioni richieste per le spese di investimento;
  • canoni leasing per impianti, macchinari e attrezzature;
  • costi salariali relativi a dipendenti e collaboratori;
  • licenze e diritti relativi all'utilizzo di titoli della proprietà industriale;
  • licenze per l'utilizzo di software;
  • servizi di incubazione e accelerazione di impresa.
I costi di investimento e di gestione devono essere sostenuti dall'impresa entro 24 mesi dalla data di ammissione al contributo.

Forma ed intensità dell'aiuto

Il bando prevede un finanziamento a tasso zero, il cui valore è pari a:

  • 80% delle spese ammissibili (max € 1.200.000), nel caso in cui la start-up abbia una compagine costituita da giovani e/o donne di età inferiore ai 35 anni o abbia tra i soci un dottore di ricerca che rientra dall'estero;
  • 70% delle spese ammissibili (max € 1.050.000) negli altri casi.

Il finanziamento agevolato ha una durata massima di 8 anni e verrà rimborsato, dopo 12 mesi a decorrere dall'erogazione dell'ultima quota dell'agevolazione, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate, scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno. Non sono previste forme di garanzia per l'erogazione del contributo.

Per le start-up localizzate in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia e nel territorio del Cratere Sismico Aquilano è prevista un'ulteriore agevolazione in quanto dovranno restituire solo l'80% della somma erogata (contributo a fondo perduto che varia dal 16 al 14% in base alle caratteristiche della compagine sociale dell'azienda proponente).

Per ulteriori informazioni su Smart & Start Italia, clicca su richiedi info e compila il form. Ti contatteremo al più presto.

Riparte la nuova Sabatini
Microprestito Puglia: finanziamenti agevolati alle...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

 
Ancora nessun commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 22 Gennaio 2021

GDP idee blue def

Ipse dixit

"Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E’ nella crisi che sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato."

Albert Einstein

Chi siamo

La G di Giannini, la D di Di Michele, la P di Pagone. Nasce così, a marzo 2005, la GDP Consulting srl. In oltre dieci anni di attività, ci siamo occupati di sviluppo sistemi informativi e abbiamo accumulato importanti esperienze in ambito di progettazione per bandi di finanza agevolata. Innovazione, tecnologia e finanziamenti alle PMI sono il nostro core business.

GDP Consulting: idee e strumenti per la crescita aziendale.

Mail: info@gdpconsulting.it

Tel: 328/94.70.242

Privacy Policy

Dove siamo